William Paris

William Paris

Laureato in Discipline Economiche e Sociali all'Università Commerciale L. Bocconi, lavora per l'Autorità Europea dei Mercati Finanziari (Divisione Economia). Ha lavorato presso la Banca Europea degli Investimenti (Dipartimento Studi Economici) e per la Commissione Europea (Direttorato Affari Economici e Finanziari). Collabora con il Center for Economic Development & Social Change.

Le conseguenze della Brexit: stime e previsioni all’indomani del referendum che ha scosso l’Unione Europea

Lo scorso 23 giugno i cittadini del Regno Unito sono stati chiamati a esprimere il loro parere sulla permanenza nell’Unione Europea attraverso un referendum consultivo indetto dal primo ministro David Cameron. L’esito del referendum, inaspettato e quanto mai insperato, ha visto la vittoria del leave con il 51,9 per cento. I risultati del referendum hanno messo fine a una campagna molto accesa che ha visto confrontarsi due schieramenti opposti e trasversali.

CONTINUA

Progresso e Disuguaglianza: il Premio Nobel per l’Economia ad Angus Deaton

Il fenomeno della disuguaglianza è stato da sempre centrale nella ricerca economica. Ben prima che Thomas Piketty scrivesse il suo famoso Capitale au XXIe siècle, gli economisti si sono sempre interrogati sulle origini della disuguaglianza, sul suo costo e sulla sua relazione con lo sviluppo economico. In questo filone di studi si colloca Angus Deaton, che per la sua ricerca è…

CONTINUA

SviMez: “Nel Mezzogiorno depauperamento economico e sociale potrebbe creare sottosviluppo permanente”

La fotografia scattata dalla Svimez sulla situazione economica del Mezzogiorno è allarmante: l’eredità della crisi economica iniziata nel 2008 è un divario crescente tra il Centro-Nord e il Sud Italia non solo a livello economico, dove il PIL e l’occupazione hanno sperimentato cadute senza precedenti, ma anche a livello sociale, dove l’aumento della povertà dei flussi migratori in uscita e un netto calo demografico lasciano poche speranze ad una ripresa economica, con una crisi che potrebbe risultare permanente.

CONTINUA