Gianluigi Elia

Gianluigi Elia

Si occupa di Relazioni Esterne per il Center for Economic Development & Social Change. Laureato con lode in Relazioni Internazionali presso l’Università “L’Orientale” di Napoli, ha collaborato con associazioni di volontariato locali e internazionali, e come stagista per il Progetto Microcredito per il Rione Sanità. È Borsita del Business Innovation Center (BIC) della Fondazione Idis – Città della Scienza, dove si occupa di incubazione d’impresa e supporto alle startup

Finanza etica. Dai Monti di Pietà al Progetto Microcredito al Rione Sanità

Il microcredito rappresenta un’autentica rivoluzione nel panorama economico-finanziario globale: attraverso l’erogazione di prestiti di piccolo importo, mira a facilitare l’avviamento o il consolidamento di piccole attività produttive, fondamentali per il riscatto di soggetti ‘non bancabili’ esclusi dall’accesso al credito tradizionale in quanto incapaci di fornire garanzie reali. Da qui nasce l’esigenza di un sistema creditizio alternativo che soddisfi una domanda altrimenti convergente in canali illegali, divenuti nel tempo parte integrante e fenomeno strutturale del sistema economico di determinate regioni del pianeta.

CONTINUA

La crisi della Grecia e le prospettive dell’Eurozona nel convegno ODCEC Napoli

Lo scorso 10 aprile si è tenuto l’incontro “La Grecia mette in discussione, l’Eurosistema. E l’Italia?” organizzato dall’ODCEC − Ordine dei Commercialisti ed Esperti Contabili − e dalla Fondazione ODCEC di Napoli, presso la sede di Piazza dei Martiri. La conferenza ha visto la partecipazione di esperti in molteplici discipline, tra i quali rappresentanti dell’Ordine dei commercialisti e di associazioni italo-elleniche presenti sul territorio italiano, docenti universitari, economisti e giornalisti.

CONTINUA

Incidenza dei flussi migratori e decrescita della popolazione locale nell’Unione Europea: il volto nuovo della demografia

La popolazione mondiale è sensibilmente aumentata nel corso del Novecento, registrando una crescita pari a sei, sette volte il volume del secolo precedente. Un dato facilmente individuabile è la sua distribuzione fortemente ineguale: una sfrenata urbanizzazione ha portato, infatti, alla formazione di grandi agglomerati urbani specialmente nell’emisfero nord del pianeta, a fronte di rari casi nel sud del mondo.

CONTINUA