Obiettivi di Sviluppo Sostenibile e partenariato mondiale: un confronto con il Prof. Giovanni Vaggi

Giovanni Vaggi

Giovanni Vaggi

Autore at CED - Center for Economic development & Social Change
Professore Ordinario di Economia dello Sviluppo presso l'Università di Pavia
Giovanni Vaggi

immagine1

L’anno scorso le Nazioni Unite hanno approvato i nuovi Obiettivi di Sviluppo Sostenibile, che tutti conosciamo: una tappa a mio avviso importante ma che deve essere resa efficace. Gli Obiettivi sono 17, e prevedono 169 target – che sono tantissimi – e 241 indicator: abbiamo quindi davanti una massa di problematiche enormi legate insieme dal tema della sostenibilità, e a questo proposito vorrei, in questo mio intervento, sottolineare delle cose.

Anzitutto, le novità rispetto ai Millennium Development Goals. Le hanno già dette in molti, ma a mio parere sono almeno due le novità importanti. Andando oltre il discorso dell’enfasi sulla sostenibilità – che sappiamo essere stato il cuore di questi obiettivi fin dalla loro preparazione, dopo Rio de Janeiro 2012 − , il discorso centrale, che sta diventando sempre più importante, verte sulla questione dell’equità e delle disuguaglianze − una grossa carenza negli Obiettivi di Sviluppo del Millennio − , ed è legato al tema dell’occupazione, “occupabilità” se vogliamo dire, e del lavoro dignitoso, strumenti questi che sono ovviamente legati al tentativo di ridurre queste disuguaglianze.

 

Il discorso centrale verte sulla questione dell’equità e delle disuguaglianze ed è legato al tema dell’occupazione e del lavoro dignitoso, strumenti ovviamente legati al tentativo di ridurre queste disuguaglianze.

 

Altro elemento generale ma fondamentale che dobbiamo tenere in conto come innovazione – oltre alla sostenibilità e all’equità – riguarda l’obiettivo 16, che si pone il problema della pace, della giustizia e della good governance, ossia delle società inclusive. Questo aspetto  era presente anche negli accompagnamenti dei MDGs, ma non era un goal esplicito: il fatto di avere, oggi, un goal esplicitamente dedicato a giustizia e pace significa che questo, per quanto difficile e complesso, è un tema che non è più possibile evitare. 

 

Il fatto di avere, oggi, un goal esplicitamente dedicato a giustizia e pace significa che questo, per quanto difficile e complesso, è un tema che non è più possibile evitare.

 

L’ultimo punto che vorrei trattare riguarda l’ultimo degli Obiettivi, il 17, ossia la global partnership for sustainable development (partenariato mondiale per lo sviluppo sostenibile). Questo è anche, sostanzialmente, l’ultimo degli Obiettivi del millennio di sedici anni fa − l’obiettivo n.8 di allora − e ricalca tutta una storia di global forum tenutisi durante gli anni Duemila, fino ad arrivare a Busan 2011 e Mexico City 2014. Quest’ultimo obiettivo comprende 19 targets e molti altri indicatori: attualmente, e intendo dal 2015 fino al 2030, il nostro problema –  oltre all’abbondanza di goal e di target –  è di dare un contenuto a questa global partnership: dobbiamo cercare di capire come mettere in piedi degli strumenti che davvero facciano funzionare le cose. A questo proposito credo che ci sia molto da pensare.

 

Il nostro problema è di dare un contenuto a questa global partnership: dobbiamo cercare di capire come mettere in piedi degli strumenti che davvero facciano funzionare le cose.

 

Bisogna creare luoghi di incontro e dialogo. Alcuni già esistono, ad esempio l’ECOSOC alle Nazioni Unite, le aggregazioni regionali (ad es. l’African Union), ma anche aggregazioni subregionali che operano in diverse parti dell’Africa e del mondo in via di sviluppo. I temi di cui discutere per declinare queste global partnership sono impressionanti. Se si osserva bene l’Obiettivo 17 e i suoi target ritroveremo commercio, finanza, aiuti: insomma, tutta una serie di problematiche che richiedono necessariamente questo tipo di interscambio. Tematiche che, a mio parere, necessitano – anche se lavoriamo nell’ambito della riduzione degli squilibri nord-sud del mondo, come pure all’interno di ogni Paese   − la nostra attenzione: dobbiamo pensare a costruire questa global partnership riconoscendo che non tutti gli attori, ossia gli stakeholder di questi obiettivi per l’Agenda 2030, hanno la stessa capacità negoziale o la stessa forza.

Occorre riconoscere un principio per cui bisogna riequilibrare le capacità di negoziazione e di dialogo sui singoli Obiettivi e sui singoli target e indicatori, il che vuol dire trovare degli strumenti per dare maggiore voce e forza, maggiore diritto ed espressione – ownership, come si dovrebbe e potrebbe dire – ai paesi e alle realtà del Sud del mondo.

Ritengo che questa sia la prima sfida che dobbiamo affrontare: come far funzionare i dialoghi e le negoziazioni che devono poi mettere in azione quei meccanismi che, si spera, entro il 2030 ci avvicineranno agli obiettivi che ci siamo dati.

 

Dobbiamo pensare a costruire questa global partnership riconoscendo che non tutti gli stakeholder hanno la stessa capacità negoziale o la stessa forza. Occorre trovare degli strumenti per dare maggiore diritto ed espressione – ownership, come si dovrebbe e potrebbe dire – ai paesi e alle realtà del Sud del mondo.

 

Giovanni Vaggi

About Giovanni Vaggi

Professore Ordinario di Economia dello Sviluppo presso l'Università di Pavia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *